Blue singers

bessy-smith1

Furono le “Blue singers” a portare il blues al successo: da genere puramente dilettantistico suonato tra le piantagioni del Mississipi,  il blues si sposta dalle campagne in città e diventa un genere del tutto diverso. Per la prima volta il blues è performance, spettacolo, varietà e a dargli la sua giusta importanza sono le cantanti donne accompagnate da orchestrine jazz di tutto rispetto.

Il blues è cosi diventato professionistico e iniziò ad essere commercializzato grazie alla nascita dei Race Records nel 1920 che incisero la voce di Bessie Smith e di tante altre cantanti donne su disco.

Anche se meno conosciuta rispetto alle sue successive, Gertrude Ma Raney  fu una delle prime cantanti blues di professione a registrare dei dischi e ad influenzare molte colleghe americane del periodo una fra tutte Bessie Smith.

Bessie Smith, soprannominata l’Imperatrice del blues per la sua voce, è non solo fra le cantanti più talentuose e popolari degli anni venti e trenta ma anche un’eccellente ballerina, attrice comica e mima.

Una curiosità interessante che riguarda un’altra importante personalità femminile: Mamie Smith che entrò nella storia divenendo la prima artista afroamericana in assoluto ad incidere nel 1920 un brano di blues cantato, Crazy blues.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *