Fleshgod Apocalypse + Nerodia + 5Rand @ Traffic Live (14/10/16)

Dopo aver fatto una mezza idea di fine estate per l’Agglutination Metal Festival in provincia di Potenza, il sottoscritto insieme a Tullio e Luca è stato più fortunato a trovare una data della band brutal death perugina nella più vicina Roma.

14753330_1284135561630696_9063851454573462428_o
© Martina Santoro Fotografia

Aprono la serata i 5Rand, band capitolina taggata “thrashcore”, e che per questo mi preoccupava un pochetto. Invece niente di male, hanno solo mostrato un po’ di incertezza, sicuramente per la poca esperienza live. Il sound è in effetti sul trash e la cantante era capace nel growl, ma mi hanno dato l’impressione di avere la possibilità tecnica di fare di più e “pulire” quel thrash per arrivare ad un sound meno anonimo.

14706804_1284134738297445_3149169479798025642_o
© Martina Santoro Fotografia

Li seguono i Nerodia, già incontrati in apertura degli Arch Enemy all’Orion. Un breve inconveniente tecnico ha rovinato un po’ lo spettacolo death che la band è in grado di regalare, soprattutto grazie a David “mezzo metro di nervi” Folchitto (Prophilax, Stormlord).
La loro performance però mi è sembrata, seppur ineccepibile, fin troppo lineare. I componenti sono talmente bravi a fare quello che fanno che lo fanno senza il necessario “drive”, che deve essere in loro per essere trasmesso al pubblico. Che sia il caso di mettere in discussione il purismo death?

Dopo le aperture il palco si trasforma e compare un piano, una batteria da 15 pezzi e delle aste microfoniche in stile seicentesco.
I Fleshgod Apocalypse entrano in campo con una cantante lirica, tutti in costume di scena, e scatenano la loro forza brutale suonando tutto il suonabile del loro ultimo album King e qualcosa da Agony e Oracles.
Questo album affronta in modo piuttosto diretto il rapporto con l’autorità e il rapporto tra sovranità e divinità: la sua copertina raffigura infatti un re con i fili da marionetta.
L’ambientazione scelta è quella del periodo storico in cui la forma di sovranità prevalente era quella del monarca assoluto, che incarna la perfezione e che riceve il suo mandato da dio.

photo_2016-10-21_13-20-58In linea con questa lettura il frontman (Tommaso Riccardi), aggiunge delle didascalie introduttive ai brani:
“La ricerca della libertà interiore è un dovere morale”
“Fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”
“La perfezione è fredda, propria dei cadaveri”.
La vera potenza di queste affermazioni si coglie quando le si accostano il suono metal brutale e il pogo sfrenato.

© Martina Santoro Fotografia
© Martina Santoro Fotografia

L’esperienza live è stata, come potete immaginare, incredibilmente forte e immersiva. Il piano ha fatto fatica ad uscire nell’acustica del club se non in qualche occasione, mentre ha avuto più fortuna la voce della cantante lirica, favolosa accompagnatrice della frenesia metallica, ancora più eccitante dal vivo.

In bocca al lupo ai FA per il loro tour americano 2017 e grazie al Traffic Club per aver offerto questo spettacolo.

 

Pubblicato da

Manuel D'Orso

Manuel D'Orso

Nel collettivo dal 2013, INTJ, appassionato di metal e musica sperimentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *