Harakiri For The Sky – Arson (2018)

Nuova release degli austriaci che mi avevano già stupito con il loro III: Trauma  nel 2016, che fu tra i miei dischi preferiti di quell’anno, dedicandogli anche una puntata nella stagione 5 di Radio Waste.

Provvedono a dare il benvenuto al 2018 con questo nuovo album full-length che esordisce con un brano che si presenta da solo con titolo Fire Walk With Me dimostrando di aver preso ispirazione da uno degli eventi cinematografici di spicco del 2017. Continua a leggere Harakiri For The Sky – Arson (2018)

Top 10 Albums 2017 (Manuel Edition)

Non vedevo l’ora di pubblicare la mia consueta personale top 10 del 2017 perché quest’anno il lavoro di selezione è stato particolarmente facile.

Ci sono state delle uscite che già a pochi mesi dall’inizio dell’anno che si va ora a concludere erano ottime candidate per finire in questa selezione.
Come sempre specifico che non è una classifica e gli album sono presentati in ordine sparso.

Per i curiosi, eccovi anche le selezioni 2016 e 2015 .

Veniamo alle copertine:

Ed ecco i titoli, con relativi link alle recensioni fatte durante l’anno:

 

The Byrds – Turn! Turn! Turn!

Autore: The Byrds

Titolo Album: Turn! Turn! Turn!
Anno: 1965

Casa Discografica: Columbia Records
Genere musicale: folk rock

Voto: 8
Tipo: LP

Sito web: http://www.thebyrds.com/

Membri band:
Roger McGuinn – chitarra a 12 corde, voce
Gene Clark – tamburello, voce
David Crosby – chitarra ritmica, voce
Chris Hillman – basso
Michael Clarke – batteria

Tracklist:
1. Turn! Turn! Turn!
2. It Won’t Be Wrong
3. Set You Free This Time
4. Lay Down Your Weary Tune
5. He was A Friend Of Mine
6. The World Turns All Around Her
7. Satisfied Mind
8. If You’re Gone
9. The Times They Are A-Changin
10. Wait And See
11. Oh! Susannah

Crosby, McGuinn e Clark partoriscono il loro secondo lavoro. Sempre del 1965, come il precedente, il che testimonia il fervore creativo e rielaborativo della band. Ancora un mix di inediti, la maggior parte firmati da Gene Clark, e cover di Dylan e di qualche traditional. Ancora una vincente amalgama di folk rock ed easy-beat (siamo in piena “British Invasion”), con un pizzico di country. Ancora una volta una title track trascinante ed emblematica. Poco sembra essere cambiato rispetto al primo album, eppure l’evoluzione è tangibile. Nella maturazione compositiva, nello staccarsi dallo spirito originario delle cover che diventano sempre più personali e fluide, rese uniche dalla chitarra 12 corde di McGuinn e dalle colorate armonie vocali di Crosby e Clark. E nello sviluppo sempre più individuale delle 3 anime della band che funzionano così bene insieme ma che al contempo funzionano così maledettamente bene da sole. Chiaro segnale di dipartite, come quella imminente di Gene Clark che abbandonerà The Byrds dopo la pubblicazione dell’album avviandosi a una meravigliosa carriera solista. L’animo gentile e sognatore di Gene Clark, cresciuto in casa Byrds, necessitava di nuovi più o meno solitari lidi. Va via, ma senza prima aver lasciato un segno indelebile. Degli 11 brani che compongono l’album 3 sono a firma Clark: Set You Free This Time, If You’re Gone e The World Turns All Around There. Il primo è un pezzo che svela la sua maturazione compositiva. Set You Free This Time è il brano perfetto: la perfetta fusione del folk dylaniano con il beat e con il country-rock delle praterie americane. La ballad pop americana ante-licteram. 2 minuti e 48 di puro godimento per le orecchie. If You’re Gone è un easy-beat amaro e disincantato, sintomatico forse della sua prossima dipartita. The Words Turns All Around There è un altro brano molto gradevole, in cui le armonie vocali si fondono perfettamente con il ritmo beat e proto-pop. L’apporto creativo di Gene Clark è stato così fondamentale per The Byrds che ci viene legittimo chiederci come si sarebbero reinventati dopo la sua defezione. Le cover presenti nell’album sono ben 6. La monumentale title track Turn!Turn!Turn! è un riadattamento ad opera di McGuinn del traditional di origine biblica riportato in auge da Pete Seeger nella fase del folk revival. Potrebbe sembrare una nenia, una filastrocca che gira su se stessa. Ma è uno degli esperimenti di riadattamento e svecchiamento di traditional meglio riusciti. La melodia si fa trascinante, forte delle armonie vocali, e propositiva e piena di speranza. E di tutto questo in quella fase socio-storica ce n’era davvero bisogno. Lay Down Your Weary Tune è un rifacimento di un pezzo di Dylan. Molto bella, molto sincera, non si discosta troppo dall’originale ma la rende “as usally” più frizzante. Un onesto tributo alla grandezza del maestro. He Was A Friend Of Mine è un altro caso di traditional rimesso a nuovo da McGuinn. Siamo di fronte a un brano le cui origini si perdono quasi nella notte dei tempi, erroneamente attribuito a Dylan o Dave Van Ronk che in realtà ne fecero solo 2 bellissimi adattamenti trasponendone anche il significato in relazione all’uccisione di John Kennedy. La vera origine del brano è da ricercarsi nell’800. Ad ogni modo la rilettura di McGuinn è da brividi. Le solite meravigliose armonie vocali, il jingle jangle della sua 12 corde, quell’aria da country rock delle praterie, quella dolcezza che ne scandisce delicatamente il ritmo fanno quasi piangere. Anche in relazione al testo che parla di una grave perdita (di un amico, di un fratello, di un padre, di un presidente illuminato). Questo brano divenne un inno per la nascente generazione del Peace&Love ed è facile capirne il motivo. Uno dei punti più alti che il folk rock potesse raggiungere. Le altre 3 cover dell’album sono la dylaniana The Times They Are A-Changin, Satisfied Mind, che è un brano folk-country riadattato da un pezzo country-western degli anni ’50, e Oh! Susannah che è il brano-manifesto della tradizione americana il cui celebre riff di chitarra venne scritto nell’800 dal leggendario Stephen Foster. Infine ci sono Wait And See e It Won’t Be Wrong. Wait And See è un brano scritto a 4 mani da Crosby e McGuinn. Un brano spensierato e dal sapore vagamente country che anticipa la virata futura verso quel genere. It Won’t Be Wrong (McGuinn) è un brano che risente moltissimo dell’influenza britannica, molto easy-beat.

E poco prima che l’album venisse pubblicato nel dicembre del ’65, la coppia Crosby/McGuinn, nelle cui redini era rimasto il gruppo, già era di nuovo in fase creativa, gettando le basi di quella perla psichedelica che sarà Eight Miles High, ma questa è un’altra storia.

Sara Fabrizi

Silent Island – “1st year anniversary giveaway”

Spaesato? Leggi la guida!

    • Artista: Silent Island
    • Album: “1st year anniversary giveaway”
    • Genere: Progressive Rock

Art As Catharsis 2017 Sampler

Anche quest’anno l’etichetta australiana molto apprezzata qui nel collettivo ci regala il suo campionario su bandcamp. Voglio qui fare una rassegna dei 20 brani della raccolta per dare un resoconto veloce anche al pubblico italiano della bella musica prodotta così lontano da noi.

Come ho già fatto darò solo un breve commento ad ogni brano, segnalando quelli più interessanti. Continua a leggere Art As Catharsis 2017 Sampler