Sweethead – Mortal Panic EP (2015)

A partire da oggi, quando mi sarà possibile, cercherò di pubblicare una mini recensione di un album a settimana per poi far sentire qualche pezzo dello stesso durante la nostra diretta. Ringrazio in anticipo il sito Noisetrade che mi permette di scoprire artisti emergenti e passare musica nuova ogni volta.

Partiamo con la recensione vera e propria: chi sono gli Sweethead? Si tratta di un gruppo americano alternative rock, composto dalla cantante Serrina Sims, dal chitarrista Troy Van Leeuwen (Queens of the Stone Age, A Perfect Circle, Enemy, Failure), dal bassista Eddie Nappi  (Handsome, Enemy, Mark Lanegan Band) ed il batterista Norm Block (Plexi e Mark Lanegan Band).

Mortal Panic è un EP con il primo estratto del loro nuovo album in uscita nel 2016 insieme ad altri brani difficilmente reperibili altrimenti.

Si divide in sei brani, il primo dei quali è omonimo dell’album, e notiamo subito il sound “sporco” ma comunque ritmato ed orecchiabile, con uno schema classico di intro, strofa e ritornello.

Tunnel Vision Blue rallenta parecchio rispetto al pezzo precedente, e la voce della cantante risulta riconoscibile in mezzo alle varie distorsioni.

In Antony la voce femminile rimane pulita durante le strofe mentre nei ritornelli interviene la voce maschile, più rozza e “lontana”.

Tired Of Waiting ha un ritornello abbastanza particolare, in cui gli strumenti si placano momentaneamente per poi intervenire nuovamente .

Life in Laralay mi ha ricordato molto il Grunge facendoci anche ascoltare sonorità degli anni 80.

L’ultimo brano è P.I.G. (Leg Lifters “Pork Chop” Remix). Non avendo sentito l’originale devo dire che comunque a mio parere il remixer è stato in grado di fare un ottimo lavoro, poichè lo stile dei Sweethead rimane perfettamente riconoscibile.

A chi consiglio quest’album? Forse agli amanti del grunge o in generale delle sonorità distorte, poichè troveranno sicuramente pane per i loro denti. In fondo si tratta pur sempre di un gruppo emergente e secondo me hanno fatto un ottimo lavoro.

Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *