Mardi Gras – Creedence Clearwater Revival

Autore: Creedence Clearwater Revival

Titolo Album: Mardi Gras
Anno: 1972

Casa Discografica: Fantasy Records
Genere musicale: rock

Voto: 6
Tipo: LP

Sito web: http://www.creedence-online.net/

Membri band:
John Fogerty – chitarra, tastiere, voce
Doug Clifford – batteria, voce
Stu Cook – basso, chitarra, voce

Tracklist:
1. Lookin’ For A Reason
2. Take It Like A Friend
3. Need Someone To Hold
4. Tearin’ Up The Country
5. Someday Never Comes
6. What Are You Gonna Do?
7. Sail Away
8. Hello Mary Lou
9. Door To Door
10. Sweet Hitch-Hiker

Mardi Gras è il settimo ed ultimo album dei CCR. Subito dopo si sciolsero, mettendo fine a una stagione intensissima e fulminante in cui dettarono le regole base della grammatica del rock. L’essenzialità di chitarra-basso-batteria, con doverose concezioni al sax e alle tastiere, che pesca nel passato del folk, del country, del blues, dello swamp-rock, del rock’n’roll e li frulla insieme sotto l’egida del carisma e voce graffiante del leader John, inventando di fatto il rock americano. Quello degli anni ’70. Per tutti e per i cultori. Commerciale e raffinato. Semplice e colto. Che scala le classifiche, che mette d’accordo pubblico e critica. Che offre un fertile humus per i futuri rock singer e songwriter. Eppure questo sogno fatto di scelte sempre azzeccatissime e vincenti volgeva al termine. Dopo il fantasmagorico Pendulum, summa e canto del cigno, nonché celebrazione della versatilità del frontman della band, malumori interni e stallo creativo decreteranno lo spegnersi del sacro fuoco del rock’n’roll nei 4 ragazzi di El Cerrito. Il maggiore dei Fogerty, Tom, da sempre in dissidio con il fratello John che di fatto lo oscurava, lascia i CCR e tenta la via della carriera solista. Eppure ciò che resta della band, John, Stu e Doug, decidono di rimboccarsi le maniche e sfornare un ultimo album. Questa volta la supremazia fogerthiana nel songwriting è meno tangibile. Per la prima volta Stu e Doug affiancano John nella scrittura, composizione e produzione del disco. E per la prima volta la lead voice non è sempre John, anche bassista e batterista si cimentano nella prova vocale. Sarà che siamo così abituati ad identificare i CCR con il marchio vocale inconfondibile di John che ascoltare dei pezzi la cui voce principale non è la sua ci fa strano. Ci disorienta. Ci fa capire che qualcosa è cambiato, per sempre finito. Lodevole il fatto che in questo ultimo album ci sia un maggiore gioco di squadra. E chissà da quanto Stu e Doug sognavano una cosa del genere, per lungo tempo eclissati dall’astro fulgido di John, pur costituendo di fatto la sezione ritmica e quindi il groove della band. Mardi Gras è un disco da questo punto di vista più “democratico” ma, mi duole ammetterlo, è l’unico “sbagliato”. Irriconoscibile, privo di quel sound inconfondibile e sempre nuovo e vario che tanto ci ha fatto amare i Creedence. E’ un disco di una semplicità formale e tematica disarmante. Sebbene si cimentino nella composizione anche gli altri due, guarda caso i numeri migliori (o perlomeno che si elevano dalla mediocrità dell’album) sono quelli di John. Sweet Hitch-Hiker e Someday Never Comes, entrambe di paternità foghertiana, sono gli unici 2 barlumi di luce. La prima è l’ultimo grande rock’n’roll firmato Creedence che raggiunge anche buone posizioni in classifica. La seconda è la ballad dell’album: dura, bella, commovente. Cantata con un tono tra l’implorante e l’energico, ultima grande prova vocale di John. Vorrei che Mardi Gras fosse ricordato per questo pezzo, vorrei che vi si identificasse. Perché è l’ultimo guizzo di quella vena struggente, romantica e cosmica di John che mi ha stregata fin da Put A Spell On You, dal primo pezzo del primo album. I restanti pezzi a mio parere non sono degni di nota, fatta eccezione per il lodevole maggiore sforzo partecipativo degli altri 2 membri della band. Anche l’operazione cover, che da sempre li aveva visti rimaneggiare classici roots e blues donando loro nuova vita sotto forma di pezzi assolutamente vincenti, qui fallisce. La cover di Hello Mary Lou di Gene Pitney è priva di quella verve tipica creedence_clearwater_revival_-_mardi_grasdel revival targato CCR. Assistiamo in questo ultimo album a un tentativo forzoso di rimaneggiare il sound Creedence, ma ciò che ne viene fuori non sa di buono, bensì di stanchezza. Poco dopo un tour per tentare di (auto?) celebrarsi e quindi lo scioglimento e la carriera solista di John, che altro non sarà poi che un attingere a piene mani al vasto repertorio CCR. Facile che ciò accada quando una band si accentra e identifica a tal punto con il frontman/leader. Eppure ai Creedence possiamo e dobbiamo perdonare sia il protagonismo a tratti eccessivo di John, sia questo ultimo deludente album. Il loro merito, aver inventato l’abc del rock americano, è talmente grande da far sicuramente dimenticare una piccola defaillance.

Sara Fabrizi

Ten Miles Wide – The Gross (2016)

Spaesato? Leggi la guida!

  • Membri: John Beckman, Ryan Thornes, Will Andrews, Jake Carden


Neurosis – Fires Within Fires (2016)

Non hanno retrocesso di un passo. Ancora forti e penetranti, nel periodo in cui vede maggior fioritura il genere che hanno contribuito a fondare insieme agli ISIS (ora sciolti) ossia lo sludge che diventerà il post-metal.

Si tratta di natura, della sua forza distruttiva e punitiva sulle possibilità umane. In 4 brani che ti piegano e in un 5° che ti spezza i Neurosis hanno ancora lezioni da insegnare al metal.

Produzione Steve Albini per Neurot Records, etichetta degli stessi Neurosis.

The Mothership – Bright Side of Dim (2014)

Spaesato? Leggi la guida!

  • Membri: Johndus Beckman, Paul Fraser, Ryan Thornes, Will Andrews 


Plini – Handmade Cities (2016)

a2040672325_10Un album che si colloca sulla scia del nuovo progressive, stavolta strumentale da un chitarrista emergente, che sta riscuotendo un discreto successo per la sua estetica sognante, pastello e i suoi tratti suggestivi.

I suoni sono positivi e sorridenti e le ritmiche sono stimolanti in quell’espressione unica che solo il prog può rendere.
La fruizione dell’album mi ha ricordato molto quella dei Polyphia di Renaissance, recensito su questo blog.
La raccolta copre “soli” 34 minuti e incita l’ascoltatore meno distratto a più ascolti consecutivi per cogliere tutte le sfumature delle tracce.

I contenuti ci sono (sì, è strumentale, ma parliamo di contenuti lo stesso), anche se il progressive si sente più nella tecnica compositiva che nell’approccio al brano e all’album, che non li vede come parti organiche ed omogenee. L’album va letto insomma come una raccolta di brani singoli, ed il progressive è qui più un riferimento che un genere di appartenenza.
Comunque l’ambiente creato è particolarmente interessante se lo si riconosce come un ibrido di un certo tipo di post-rock e una chitarra prog. E qui sta la vera innovazione.

Un consiglio di ascolto per tutti, anche (forse specialmente) per i meno avvezzi al progressive tradizionale.

 

The Mothership – Ten Miles Wide (2011)

Spaesato? Leggi la guida!

  • Membri: Johndus Beckman, Paul Fraser, Ryan Thornes, Will Andrews 

 

Of Clocks and Clouds – YOU (2014)

Spaesato? Leggi la guida!

  • Membri: Joe Salgo, Ross Procaccio, John Santiago

 

Petting Zoo – Good Evening (2015)

Spaesato? Leggi la guida!

  • Artista: Petting Zoo
  • Album: Good Evening
  • Anno: 2015
  • Genere: Alternative | Electronic | Neo-psychedelia
  • Durata: 38:29

1.

Global Conveyor 00:38

2.

Thoughts on the Equator 04:32

3.

Too Upset 03:12

4.

TV Show 04:03

5.

Misfortune Fingers 04:29

6.

Dollhouse 04:21

7.

Hymno 05:33

8.

Abraxas 02:00

9.

Spanish Influenza 03:19

10.

Old Man Syndrome 06:18

  • Membri: Christian Hegland Joey Distasio Zach Ballard Tim Zoidis

 

Jamie Dams – Rush Of Souls (2016)

Spaesato? Leggi la guida!

Guida alla lettura della rubrica “Colpo d’occhio”

Salve, sono Marco, benvenuti alla presentazione della mia nuova rubrica “Colpo d’occhio”.

Si tratta essenzialmente di brevi recensioni riguardanti album di artisti emergenti, suddivisa in questo modo:

  • Nome artista
  • Nome album
  • Anno di uscita dell’album
  • Genere
  • Minutaggio album
  • Tracklist
  • Breve biografia (dove disponibile)

A queste informazioni seguirà un pannello riepilogativo con alcuni voti, puramente soggettivi:

  • Qualità audio: qualità della registrazione;
  • Sonorità: uso di strumenti particolari o fusione di suoni non propriamente comuni;
  • Ascoltabilità: l’album si lascia ascoltare o si tratta di un esercizio di stile che però potrebbe risultare pesante?
  • “Indiecità”: è presente un alto livello di “indipendenza musicale” o si tende a copiare ciò che va di moda al momento, arrivando al pop? (questo indicatore non è preso in considerazione nel riepilogo che costituisce il valore finale)
  • In breve: voto finale all’album, scaturito dalla media dei primi tre valori.

Se l’album sarà in freedownload troverete infine un link per scaricarlo o per donare all’artista.

In base ai vostri interessi potrete dunque decidere se dare o meno una possibilità all’album in questione.

Buon ascolto!