Riflessioni post-ennesima visione di Easy Rider (di Sara Fabrizi)

1535707_10202962369843357_380598676_nParlano, parlano di libertà ma quando vedono un individuo davvero libero ne hanno paura.. E’ il tema che ha ispirato canzoni, film, letteratura… E’ l’ancestrale bisogno dell’uomo di affermare la propria individualità ed unicità in contrasto con le costrizioni e le convenzioni  sociali, è l’antica dicotomia Natura vs Cultura. Un tema che potrebbe sembrare trito e ritrito ma che non deve mai farci smettere di pensare. Proprio qualche giorno fa ho avuto modo di arrovellarmi di nuovo il cervello su questo dilemma rivedendo uno dei miei cult movie preferiti..Easy Rider.

Continua a leggere Riflessioni post-ennesima visione di Easy Rider (di Sara Fabrizi)

I 10 “migliori” album del 2013 (con “secondo me” d’obbligo)

La verità è che sto leggendo troppi dei soliti articoli con i migliori album dell’anno che sta per finire e mi è venuta voglia di farlo anch’io.

I miei preferiti ve li spiattello senza troppe spiegazioni.

Continua a leggere I 10 “migliori” album del 2013 (con “secondo me” d’obbligo)

[CineWaste] “The Bothersome man” (di Gabriella Marsigliese)

Esistono alcune forme di “spostatezza” negli individui, tra cui quella dell’”ipersensibile affettivo”, esemplificata in un film del 2006 diretto dal norvegese Jens Lien: “The Bothersome man”.
È un film straordinariamente originale e strano, ma la sua stranezza non è da intendersi come un qualcosa di misterioso, perché il senso profondo è molto chiaro: la contrapposizione fra un individuo “spostato”  in quanto l’unico a provare delle emozioni, in un sistema sociale in cui le emozioni sono semplicemente bandite così come i toni caldi della fotografia.
È una rappresentazione immaginaria come atto d’accusa del sistema contemporaneo, in cui, ovviamente, il peso delle norme sociali viene concepito come una sorta di richiesta disumanizzante che schiaccia la sensibilità dell’individuo. La società dei “normali”, viene mostrata nella sua totale funzionalità ma in un totalmente anche spiazzante deserto vuoto di emozioni. I “normali” sono persone che hanno tutto apparentemente in ordine, salvo i sentimenti.

24brother-600

Continua a leggere [CineWaste] “The Bothersome man” (di Gabriella Marsigliese)

[RevieWaste] Cocteau Twins – Treasure

Il mio primo approccio con i Cocteau Twins è avvenuto “ascolticchiando” alcune tracce del loro album d’esordio, Garlands, dalle sonorità decisamente darkwave . Ma quello di cui parlerò adesso è forse il loro album più famoso . Il capostipite di tutto quel filone musicale  che verrà chiamato, successivamente, dream-pop. Non fatevi ingannare dalla parola “pop”, dicitura recentemente abusata, sfruttata e spesso indice di lavoro discografico per adolescenti disincantate o da casalinghe disperate e sessualmente represse,  cantata e suonata da gruppi che  , per le loro doti, dovrebbero solo esibirsi alla sagra della salsiccia.

Già dalla prima traccia (Ivo) vi renderete conto che quello che vi appresterete ad ascoltare sarà un disco sicuramente fuori dal comune. Ed è qui che Elizabeth “Liz” Fraser (senza nulla togliere al gruppo tutto)  sfodera la parte migliore di sé. Accompagnata da una chitarra acustica e da una ritmica semplice ma incalzante, Liz da sfoggio di tutta la sua capacità vocale alternando ottave alte e basse con una maestria (ed alchimia oserei dire) uniche creando qualcosa di davvero particolare, sfatando con una sola traccia tutti i pregiudizi commerciali che avrebbero potuto appannare la nostra mente! Il testo che , all’atto pratico, non ha alcun significato apparente:

Continua a leggere [RevieWaste] Cocteau Twins – Treasure

[BlueStorieS] L’anima rubata: Robert Johnson e la sua musica

“Morì nel mistero: qualcuno ricorda che fu pugnalato, altri che fu avvelenato; che morì in ginocchio, sulle sue mani, abbaiando come un cane; che la sua morte aveva qualcosa a che fare con la magia nera.”

Greil Marcus

robert-johnsonDopo un’attenta e accurata descrizione del Blues delle origini e del Delta del Mississippi, possiamo raccontarvi una leggenda inquietante ma allo stesso tempo colma di significati e rimandi: stiamo parlando di Robert Johnson, l’archetipo dell’artista maledetto, l’uomo a cui il diavolo ha donato la chitarra e rubato l’anima, colui che ha “inaugurato” il cosiddetto Club 27 (il gruppo dei grandi artisti scomparsi a soli 27 anni). Robert Leroy Johnson nasce a Hazlehurst, l’ 8 maggio del 1911 e fece parte della scena musicale blues sorta nel delta del Mississippi tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento.

Continua a leggere [BlueStorieS] L’anima rubata: Robert Johnson e la sua musica

[RevieWaste] Mouth Of The Architect – Dawning

mouth-of-the-architect-dawning-2013

È l’alba.

Vengono alla mente tanti pensieri: How Will This End, The Other Son.

Si guarda il panorama e lo si analizza: Sharpen Your Eyes, Patterns .

Si hanno sensazioni: It Swarms.

Godiamocela.

 

 

 

 

 

Continua a leggere [RevieWaste] Mouth Of The Architect – Dawning

[PhotoWaste] Rodney Smith, il fotografo del sogno.

Salve a tutti i lettori del blog di Radio Collective Waste. Questa recensione inaugura una nuova sezione del blog che tratterà di fotografia e, conseguentemente, dei più grandi fotografi di tutti i tempi. Colgo l’occasione, inoltre, per ringraziare tutti i componenti di Radio Collective Waste che mi hanno dato la possibilità di far parte di questo spettacolare progetto.

Fatta questa premessa, inizierei subito a parlarvi di uno dei fotografi più importanti del panorama artistico della seconda metà del Novecento: Rodney Smith. Se osserviamo le sue opere possiamo ben capire che ci troviamo in pieno surrealismo fotografico.

CHU059906305 Rodney-Smith-fotografo-surrealista_8

Continua a leggere [PhotoWaste] Rodney Smith, il fotografo del sogno.